Corte Valle San Martino di Moglia vince la gara per il miglior salam casalìn dell`anno

Capolavoro della tradizione e della gastronomia, il salame casalin è da considerarsi un patrimonio di cultura materiale, nato da un insieme di pratiche antiche quanto il mondo, capaci oltre che di sopravvivere al tempo, anche di migliorarsi, dando alla luce ancora oggi un prodotto buono oltre che autentico. Oggi le modalità di preparazione del salam casalin si sono affinate, soprattutto grazie all`impegno degli stessi produttori, attenti alla salvaguardia delle tradizioni rurali. Sopravvivono i gesti e gli antichi rituali, nonché la storia e la tradizione contadina che hanno fatto di questo salame un fattore d`identità del nostro territorio, da tempo riconosciuto come prodotto tradizionale ai sensi del dm 8/9/1999 n. 350 e della D.g.r. della Lombardia n.6/49424 del 7/04/2000.

Durante la serata del GIOCO DEL SALAME, dopo una interessante prolusione del Dott. Paolo Daminelli, medico veterinario, sulle alternative all’uso di nitriti e nitrati negli insaccati, si è riunita una giuria di esperti, produttori e giornalisti che hanno giudicato, attraverso una degustazione cieca e comparata, il miglior salam casalìn tra una selezione di sette produttori mantovani. Tra tutti si è distinto ancora una volta il prodotto dell’Az. Agr. Corte Valle San Martino di Moglia, seguito dall’esemplare dell’Az. Agr. Pezzini di Guidizzolo, e terzo posto per l’Az. Agr. Corte Rossanelle di Rodigo.

 

I numeri del salam casalin

Le aziende produttrici di salam casalin in provincia di Mantova sono ormai una ventina, e con 350 quintali prodotti nel 2016 la risposta contadina al salame industriale si conferma il più amato dai consumatori, che ne apprezzano la genuinità, le qualità organolettiche e il sapore inimitabile, oltre alla lunga tradizione che si nasconde dietro ogni fetta.

Il salam casalin dei contadini mantovani infatti è preparato con l’utilizzo di suini allevati in azienda agricola e trasformati direttamente dagli stessi contadini, nel pieno rispetto della tradizione rurale, evitando l’impiego di carne surgelata, budelli sintetici, starter, zuccheri, destrosio, farine di latte, antiossidanti. La sicurezza alimentare di questo salame è garantita da metodi di lavorazione e stagionatura elaborati nei secoli dall’esperienza e dalla maestria contadina.

Per celebrare questa eccellenza mantovana, il Consorzio agrituristico mantovano organizza la manifestazione Diamo del Salame a Tutti, giunta alla sua IX edizione, che con questo primo appuntamento, il Gioco del salame, inaugura una serie di iniziative che si protrarranno fino ai primi di settembre, tra cui l’Arcifesta all’insegna del salam casalìn, e che culmineranno con una serata alla Fiera Millenaria di Gonzaga, durante la quale ci saranno degustazioni per il pubblico e la premiazione dei migliori produttori del 2017.

News